Riprese aeree cloaca in mare a Pulsano

Taranto, 31 marzo 2014

Comunicato Stampa
Continuano i rinvii sulla messa in funzione del nuovo depuratore per le acque nere di Leporano e di Pulsano, in provincia di Taranto e, nel frattempo, la cloaca sversa in mare scarichi fognanti in grande quantità, proprio in uno dei posti più belli e suggestivi della litoranea salentina, situato a meno di 20 km da Taranto. La cloaca è ubicata a solo trecento metri dagli stabilimenti balneari e da alcuni grossi alberghi che l’estate si riempiono di turisti..
Il nuovo depuratore, costato molti milioni di euro, non riesce a partire ed il suo esercizio viene sempre rinviato e adesso si teme per la vicina stagione estiva e balneare.
Ricordiamo che, nel dicembre 2013, il vecchio e fatiscente depuratore di Pulsano e Leporano fu posto sotto sequestro dalla Guardia Costiera di Taranto, dopo che fu verificato che l’impianto funzionava in assenza di autorizzazione allo scarico e dopo che fu verificata la fuoriuscita di liquami di varia natura immessi direttamente in mare che causava un evidente danneggiamento delle acque marine, la propagazione di un forte odore nauseabondo in tutta la zona circostante ed il potenziale pericolo di infezioni e malattie per i bagnanti.
Dagli accertamenti effettuati dagli uomini della Guardia Costiera, è stato stimato che l’impianto riceve in ingresso i reflui per più di 34.000 abitanti, nonostante sia strutturalmente dimensionato sulla base di 15.000 abitanti.
Il vecchio impianto di depurazion è stato sequestrato penalmente (dicembre 2013), concedendo al gestore la facoltà d’uso dello stesso.
Le ipotesi di reato sono particolarmente gravi: si va dagli illeciti ambientali, ai reati contro la pubblica amministrazione.
ecco il video girato sabato mattina 29 marzo

Prof. Fabio Matacchiera (fondo antidiossina onlus)